top of page

Perché fare rapporto?

Perché le aziende sono tenute a segnalare i minerali responsabili e, se non sono tenute, perché lo fanno comunque?

Vertical File Cabinet

Le aziende sono tenute a riferire sul loro utilizzo di minerali di conflitto per promuovere pratiche di approvvigionamento responsabili e contribuire a prevenire gli abusi dei diritti umani, i conflitti armati e il degrado ambientale.

Maggiori informazioni sui requisiti normativi qui.

Requisiti per la segnalazione

I minerali di conflitto, come lo stagno, il tungsteno, il tantalio e l'oro, sono estratti in aree di conflitto armato e di violazione dei diritti umani, in particolare nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) e nei Paesi limitrofi. L'estrazione e il commercio dei minerali dei conflitti possono contribuire alle violazioni dei diritti umani, tra cui il lavoro forzato, il lavoro minorile e la violenza sessuale, oltre che al degrado ambientale.


I requisiti di rendicontazione per i minerali dei conflitti sono stati introdotti per aumentare la trasparenza nelle catene di approvvigionamento e per incoraggiare le aziende ad adottare misure per garantire che i loro minerali provengano in modo responsabile. Comunicando l'uso di minerali di conflitto e conducendo una dovuta diligenza sulle loro catene di approvvigionamento, le aziende possono identificare e mitigare i rischi di utilizzare minerali che contribuiscono agli abusi dei diritti umani e ai danni ambientali.

Negli Stati Uniti, i requisiti di rendicontazione per i minerali dei conflitti sono stati introdotti sotto il Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act del 2010, che richiede alle aziende quotate nelle borse statunitensi di rivelare l'uso di minerali dei conflitti che hanno origine nella RDC o nei Paesi limitrofi. L'obiettivo dei requisiti di rendicontazione è quello di incoraggiare le aziende ad adottare misure per garantire che i loro minerali provengano in modo responsabile e di promuovere la trasparenza nelle catene di approvvigionamento.

Nell'UE, i requisiti di rendicontazione per i minerali dei conflitti sono stati introdotti dal Regolamento UE sui Minerali di Conflitto, che richiede agli importatori dell'UE di stagno, tungsteno, tantalio e oro di effettuare una dovuta diligenza sulle loro catene di approvvigionamento e di riferire sulle loro pratiche di dovuta diligenza. Il regolamento mira a promuovere pratiche di approvvigionamento responsabili e sostenibili, incoraggiando le aziende ad adottare misure per garantire che i loro minerali non contribuiscano agli abusi dei diritti umani, ai conflitti armati e al degrado ambientale.


Nel complesso, i requisiti di rendicontazione per i minerali di conflitto hanno lo scopo di promuovere pratiche di approvvigionamento responsabili e di aiutare a prevenire gli abusi dei diritti umani, i conflitti armati e il degrado ambientale. Comunicando l'uso di minerali dei conflitti e conducendo una dovuta diligenza sulle loro catene di approvvigionamento, le aziende possono dimostrare il loro impegno verso pratiche commerciali etiche e sostenibili e contribuire a garantire che i loro prodotti non siano associati ad abusi dei diritti umani e a danni ambientali.

bottom of page